Smart Grid

SMART GRID EXECUTIVE REPORT – 3 Luglio 2014

Il sistema energetico nazionale ha radicalmente modificato la sua fisionomia negli ultimi anni, in primis a seguito dell’ampia diffusione delle fonti rinnovabili - basti pensare che nel 2013 l’Italia ha raggiunto la soglia dei 100 TWh di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili, pari a circa un terzo dell’intero fabbisogno nazionale.
Si è giunti, di fatto, ad un “punto di non ritorno”: appare necessario che, da un lato, si definiscano e mettano in pratica modalità innovative di esercizio e gestione del sistema –implementando la cosiddetta “Smart Grid” – e che, dall’altro lato, si affermino nuovi approcci e modelli di business tra i diversi attori coinvolti, ivi compresi gli end user, anche sulla scia delle revisioni in atto all’interno del framework normativo-regolatorio.

In questo scenario, le Energy Community, intese come insiemi di utenze energetiche che decidono di effettuare scelte comuni dal punto di vista del soddisfacimento del proprio fabbisogno energetico, rappresentano uno dei “soggetti emergenti” che potrà giocare un ruolo sempre più rilevante all’interno della nuova configurazione che il sistema energetico assumerà, oltre ad abilitare nuove opportunità di business per i player del settore. 

 

Scarica lo Smart Grid Report 2014 (solo per utenti registrati...)

Scarica gli atti del convegno (solo per utenti registrati...)

Partner

Sponsor

 

I principali temi trattati all’interno della ricerca fanno riferimento a:

  • gli ambiti di applicazione più interessanti per l’implementazione del paradigma Energy Community e il grado di maturità delle soluzioni tecnologiche abilitanti;
  • il quadro normativo-regolatorio nazionale e comunitario che influenza la diffusione delle Energy Community e le sue dinamiche attese nel breve-medio termine;
  • la sostenibilità economica ed energetica di diversi modelli possibili di Energy Community;
  • le reali prospettive di sviluppo del mercato italiano delle Energy Community, le ricadute potenziali sul sistema elettrico e sul sistema “Paese” e le opportunità di business per utility, retailer, società di servizi energetici, fornitori di tecnologie e consulenti.


SMART GRID EXECUTIVE REPORT – Luglio 2013

Gli obiettivi della ricerca sono:

  • Analizzare il quadro tecnico, normativo, e regolatorio che influenza l'adozione di sistemi di storage, nel contesto nazionale ed europeo, sulle reti di trasmissione e distribuzione.
  • Alla luce dei crescenti apporti energetici alla rete elettrica derivanti da fonti rinnovabili non programmabili, (FRNP) studiare il ruolo che le tecnologie di storage avranno nell’evoluzione dell’attuale sistema elettrico verso il paradigma della smart grid.
  • Fornire una mappa delle principali tecnologie di storage disponibili commercialmente ed in fase di sviluppo e industrializzazione, distinguendone i possibili impieghi.
  • Valutare la convenienza economica, ad oggi ed in ottica prospettica, delle diverse tecnologie di storage disponibili commercialmente e stimarne il potenziale di mercato alla luce delle evoluzioni tecnologiche e normative in essere ed attese, in Italia ed in Europa.
  • Analizzare il nuovo «paradigma» di mobilità elettrica (con riferimento in primis all’auto elettrica), il relativo potenziale di mercato alla luce delle evoluzioni tecnologiche e normative in essere ed attese e l’articolazione della filiera industriale (O&M,..)  a supporto di tale diffusione.
  • Valutare le prospettive di impiego dei sistemi di storage sulle reti elettriche, anche alla luce dei sistemi di previsione delle immissioni da FRNP, e della massiccia presenza delle infrastrutture di ricarica destinate ai veicoli elettrici.

 

Scarica gli atti del convegno di presentazione dello Smart Grid Report (solo per utenti registrati)...

Scarica lo Smart Grid Report - 2a edizione (solo per utenti registrati)....

 

SMART GRID EXECUTIVE REPORT - edizioni precedenti
SMART GRID EXECUTIVE REPORT – Marzo 2012

L’obiettivo della prima edizione dello Smart Grid Executive Report è quello di mappare e comprendere le tecnologie abilitanti e lo stato della ricerca, le best practice a livello internazionale, i principali operatori in senso lato (produttori di tecnologie, imprese dell’ICT, gestori di rete, integratori e progettisti, …) coinvolti a livello nazionale, le possibili ricadute in termini di: efficienza della rete, riduzioni dei consumi, sviluppo di nuovi mercati e rafforzamento di quelli esistenti delle tecnologie delle rinnovabili e dell’efficienza energetica, sviluppo di nuova imprenditorialità e ricadute occupazionali di sistema.

scarica gli atti del convegno di presentazione dello Smart Grid Executive Report (solo per utenti registrati) ...

scarica lo Smart Grid Executive Report - Marzo 2012 (solo per utenti registrati) ...